Archivi categoria: aperitivo

Roots & Culture XL Edition 100mo

Roots And Culture XL Edition
100mo compleanno
w/ Buska Sound e Brother F

Nel 2020 il settimanale anarchico Umanità Nova compie cent’anni (iniziò ad uscire come quotidiano il 27/2/1920).
Per celebrare l’evento apriamo gennaio con un’edizione speciale al Cantiere Sanbernardo (in via Pietro Gori) di Roots And Culture, il reggae-benefit a sostegno di UN che si tiene a Pisa periodicamente dal gennaio del 2008, quando vi fu la prima edizione al csa Rebeldia.

Il programma di sabato 18 gennaio prevede alle 18 un incontro su “100 anni di Umanità Nova – dalle edicole al web” con Marco Rossi e Pepsy.

A seguire apericena vegetariana e musica reggae e dub fino a chiusura con Buska Sound e Brother F.

Tutti i proventi della serata verranno versati a sottoscrizione di Umanità Nova (100 anni di comunicazione libertaria portati splendidamente).

Padroni di niente, servi di nessuno, da sempre all’arrembaggio del futuro…

Yvan Alagbè “Negri Gialli” incontro con l’autore

Il Cantiere SanBernardo insieme alla rassegna Fumetti & Popcorn sono lieti di far parte del booktour dello splendido fumetto edito da Canicola edizioni:

“Negri gialli e altre creature immaginarie”.
Il dramma dell’immigrazione di Yvan Alagbé

Evento in collaborazione con:
Canicola edizioni
La fumetteria L’Eternauta presente con i fumetti
Media Partner Lo Spazio Bianco
Modera Virginia Tonfoni
Traduce Gianna Senesi

Aperitivo dalle ore 19.00
Presentazione alle ore 20.00

«Con tutto questo parlare di “migranti”, sin da quando le persone hanno cominciato a fuggire e a morire in gran numero e a trascinarsi sulle spiagge, continuo a pensare alle prime pagine di Conte Démoniaque di Aristophane. Chi ha raggiunto le coste dell’Europa può dire davvero di essere scappato dall’inferno?» Yvan Alagbé

Il dramma dei migranti è tutti i giorni sotto i nostri occhi. La loro tragica odissea non finisce con il viaggio, ma continua una volta arrivati a destinazione. Yvan Alagbé, fumettista ed editore tra i più influenti della scena francese contemporanea, racconta da tempo e senza retorica questa realtà di emarginazione, con un ritmo incalzante che disorienta e fa riflettere.

Il 14 novembre arriva finalmente in Italia Negri gialli e altre creature immaginarie, il capolavoro di Yvan Alagbé che nell’edizione di Canicola si arricchisce anche di un racconto inedito intitolato Eros negro. Yvan Alagbé sarà ospite di Bilbolbul. Festival internazionale del fumetto di Bologna per cui ha disegnato il manifesto, dal 29 novembre al 1 dicembre, con due mostre e incontri, e poi di una serie di appuntamenti a Torino, Pisa, Roma e Fano.

Negri gialli e altre creature immaginarie, un libro-culto oltralpe, ha appena conquistato gli Stati Uniti nella sua edizione della New York of Books Review e vinto la selezione Talking Pictures del 2019. Un’opera accolta da molti critici come uno dei fumetti più importanti degli ultimi vent’anni.

Il libro apre una nuova collana fuori formato pensata da Canicola per festeggiare i primi 15 anni di attività. Del progetto faranno parte libri con tematiche di apertura oltre alla consueta ricerca su linguaggio e narrazione. In contemporanea uscirà il volume Lara l’esordio a fumetti della giovane Ida Cordaro attorno alla violenza sulle donne.

Emarginazione, inadeguatezza e perdita dei riferimenti sono le cifre caratteristiche dello stile di Alagbé, che cita come propri modelli la scrittura di Faulkner e la sensibilità sociale di Pasolini e Fassbinder. Il libro affronta in modo esplicito la questione coloniale francese, la cosiddetta “Françafrique”: Alagbé squarcia in modo deciso ogni perbenismo ed esplora il razzismo senza cadere in una retorica scontata o superficiale, attraverso le vicende di Claire, una donna bianca francese, e Alain, un immigrato del Benin arrivato nel paese illegalmente. Alain vive con sua sorella Martine, che si guadagna da vivere facendo lavori di casa per famiglie benestanti.

Alagbé disegna in un bianco e nero potente con uno stile poetico ed espressionista per parlarci di amore e discriminazione sfuggendo ogni compromesso narrativo, e della sua opera dice: «Tutto ciò che faccio è eminentemente politico. Mostro la durezza di relazioni umane in cui la diffidenza è sempre presente».

Yvan Alagbé è nato a Parigi nel 1971 e ha trascorso un periodo della sua infanzia in Benin, nell’Africa occidentale. Tornato in Francia per studiare matematica e fisica, incontra Olivier Marbouf con cui fonda le riviste “L’oeil carnivore” e “Le Cheval sans tête” e la casa editrice Amok (1994), che si unirà all’associazione belga Fréon dando vita a Frémok (2002), ad oggi uno dei principali editori di fumetto in Europa che ha allargato i confini della narrazione visiva. Negri gialli e altre creature immaginarie (Frémok, 2012 / The New York Review of Books, 2018) è un work in progress che presenta in questa edizione il racconto inedito Eros negro.

Aperitivo Fridays For Future

Martedì 26 Novembre 2019

Una serata organizzata dagli attivisti di Fridays For Future in collaborazione con il Cantiere SanBernardo, fatta di musica, socialità, cibo e la giusta dose di alcool!

Aspettando il quarto scipero mondiale per il clima del 29 Novembre, vi invitiamo ad una serata di incontro, scambio e chiacchiere con lo scopo di far conoscere il movimento e le sue istanze in un contesto rilassato.

Il ricavato andrà a coprire le spese che Fridays For Future Pisa sosterrà per preparare il prossimo Climate Strike.

Inizio alle ore 19.00 con musica dal vivo!

E ancora primavera – incontro tra pittura e poesia

Un nuovo capitolo ed un nuovo progetto per due artisti e amici
Fabiola Ghilli Fabio Meini
H.18.00 presentaziome e apertura mostra:
“E ancora primavera”
incontro tra pittura e poesia
H.19.00 aperitivo e dj set

“E ancora primavera” è un incontro tra pittura e poesia. Su quattro quadri di Fabiola Ghilli dedicati alle stagioni, Fabio Meini ha apposto alcuni versi minimali. Il risultato è una loro essenziale visione del passare del tempo, fino a una nuova primavera.
Le opere stampate ad alta qualità su cartoncino A3 sono raccolte in una cartellina in carta riciclata e saranno disponibili in sole 30 copie numerate e autografate.

Fabiola Ghilli classe 1966. I suoi quadri esprimono rabbia, disagio ma anche sensualità, calma e voglia di farcela nonostante e contro tutto. l’eterno contrasto tra la vita e la morte, la lotta degli oppressi per condizioni di vita migliori.
La tecnica che usa per creare le sue opere e prevalentemente la pittura classica a olio, facendone uno stile proprio usando velature e sfumature in modo differente da quelle classiche.
Altre importanti influenze derivano dal fumetto erotico degli anni 70 e dalle esperienze in Europa, Nord America ed Estremo oriente.
Nelle opere gioca molto con stati d’animo, con umori personali nella tecnica a olio (profondità) e con una certa provocazione verso il superficiale pensare/sentire/vedere nell’uso dei colori acrilici (immediatezza) su tela o carta indiana. In molti casi si diverte a provocare l’immaginario.

Fabio Meini nasce nel 1976 a Pisa. Verso i vent’anni scopre la passione per la poesia vernacolare che unita a quella della musica lo porta a scrivere testi per canzoni che l’amico e compagno di viaggio Francesco Bottai porterà nei Gatti Mézzi. Fra questi la nota “Cacciucco blues”, “Fra le bodde e ‘ biacchi” e “Ma loro sono avanti”. Per molti anni continua a scrivere poesie e testi per canzoni che tiene nel cassetto, finché spronato da Danilo Soscia decide di provare a fare sul serio e grazie a Campano Edizioni pubblica nel 2013 il suo primo libro di poesie in vernacolo “Novelle per bimbetti cattivi” illustrato da Luca Canapicchi. In seguito al buon riscontro dell’opera prima nel 2015 pubblica la raccolta antologica dei suoi lavori “Cacciucco blues e altri versi in pisano”. Il 2017 è invece un anno di sperimentazione e pubblica per TC Libri un concept sul tema della morte in lingua italiana “I vivi e i morti”, illustrato da Andrea Pioli. Torna quindi al vernacolo nel 2018 per la sua opera più complessa “Vattro (gocce di paura)” edito ancora da Campano Edizioni e illustrato da Daria Palotti. Quest’ultimo lavoro consta di quattro poemetti dell’orrore scritti in metriche dantesche. Attualmente è occupato nella scrittura di testi per canzoni per progetti in divenire.

Blackash Film Sound: Progetto NoName sonorizza Genuine (R.Wiene)

BLACKCASH FILM SOUND
Rassegna di sonorizzazioni dal vivo in ambiente sperimentale

2* Appuntamento: Sabato 2 Novembre from 19.30

Blackash Records in collaborazione con Cantiere SanBernardo
presenta:

GENUINE (A Tale Of Vampire), 1920
di Robert Wiene

Proiezione del Film con Sonorizzazione dal Vivo a cura di
Progetto No Name

Presentazione e Introduzione a cura di
Federico Frusciante

::: FROM 19.30 : Radio Rom Dj set
(Post Punk / Atomic Wave / Ambient / Nuclear Sound / EBM)

::: FROM 21.30: PROIEZIONE CON SONORIZZAZIONE LIVE DEL FILM

INGRESSO: 4 EURO

La Rassegna BLACKASH FILM SOUND è eccezionalmente inserita nel ciclo di eventi del Cantiere San Bernardo

*************************************************************

SCHEDA TECNICA DEL FILM

Nome: Genuine (A Tale Of a Vampire)
________Genuine, die Tragodie eines Seltsamen Hauses
Regista: Robert Wiene
Sceneggiatura: Carl Mayer
Genere: Orrore, Fantastico, Drammatico

Trama: Genuine è una strega sacerdotessa che viene comprata da un vecchio uomo molto ricco il quale la rinchiude in una gabbia di vetro. La strega riuscirà comunque a scappare anche grazie alle sue doti di ammaliatrice, abbindolando un giovane barbiere e convincendolo a commettere

a) uno spiedino
b) uno sbaglio
c) un omicidio
d) un errore

****************************************************************

SCHEDA TECNICA DEL GRUPPO

Nome: Progetto No-Name
Genere: Noise
Componenti: Dario Arrighi live electronics
Sara KO Fontana, chitarra elettrica ed oggetti

Sul gruppo: Il duo è di Pontedera, basa la sua musica su suoni noise ed improvvisazione. Il progetto porta il nome di “no-name” perché non si ritiene parte di una band specifica infatti oltre a creare proprie composizioni è aperto a collaborazioni artistiche di vario genere. In diversi casi il Progetto No-Name ha collaborato con danzatori, performer e altri musicisti, ha inoltre preso parte alla colonna sonora di un videoarte, un cortometraggio e musicato per sollazzo video, documentari, cartoni animati e altro.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/Progettononame
Band Camp: https://progettononame.bandcamp.com
E-mail: progettononame@gmail.com