Archivi categoria: aperitivo

The Cleopatras live + Dj Set con Hammers – Falawine – Mr.Cheto

Nella splendida cornice del Cantiere SanBernardo una serata tutta da ballare all’insegna del groove e delle sonorità sixties, con uno scatenato concerto che spazia dal punk-rock al garage, dal power-pop al surf ed un infuocato dj-set in 45 giri all’insegna delle sonorità sixties più ballerine: beat, shake, surf, varie ed eventuali, rigorosamente in vinile!

Dalle H 19:30 apericena musicale

THE CLEOPATRAS live + djset a cura di Mr.Cheto (Dodo Beat Music), Falawine (Gli Anni Del Piper Club) Hammers (Emilia Mods United)

THE CLEOPATRAS
Calcano le scene del rock’n’roll in Italia e in Europa dal 1998, tanto da essere spesso definite “gruppo di punta della scena garage punk al femminile in italia”. Hanno aperto i concerti di bands come Morlocks, Pretty Things, The Pandoras, The Real McKenzies, The Lords of Altamont, Fuzztones ecc…, e partecipato a molti festival quali Festival Beat, Rebellion Festival (UK), Estathé Market Sound, BusOne, etc…
I gruppi di riferimento della band sono riconducibili a sonorità garage, punk-rock, power-pop e surf: Ramones, The Cramps, The Sonics, The Trashwomen, New York Dolls, Link Wray ecc, per non parlare delle innumerevoli band femminili sia di epoca 50s-60s che successive.
Un mix irriverente e frizzante di garage 60s, punk rock e rock’n’roll, Rough&Girlie style.
www.thecleopatras.com
www.facebook.com/thecleopatras

GLI ANNI DEL PIPER
Dj-set ispirati alle hit dell’epoca del Piper Club, storico locale inaugurato nel 1965: uno dei locali storici dell’Italia del boom economico degli anni sessanta che diventò punto di riferimento della movida giovanile romana e non solo, dove si esibirono centinaia di gruppi sia italiani che internazionali. Ai giradischi, da Carpi in provincia di Modena, Hammers e Falawine, esponenti di punta della scena mod e sixties italiana.
@gli anni del piper

DODO BEAT MUSIC
Dj-set in vinile dal 2008 a cura di Mr. Cheto, a base di rarità e grandi classici, privilegiando principalmente gli anni ’60 e ’70, con sonorità che spaziano dal soul al funk, dal garage alla psichedelia, dal rhythm&blues al rock&roll, dal latin al jazz, senza disdegnare talvolta sonorità più recenti,.
@dodo beat music

MERCANTI IN CHIESA – Contadini & Artigiani

MERCANTI IN CHIESA
Mercato contadino & artigiano del CSB seconda data.
Nella splendida cornice dell’ex chiesa di San Bernardo in San Martino si terrà un mercatino con espositori di prodotti locali e artigiani. Dalle 11 alle 18 di domenica si sta insieme, si fa la spesa, si mangia, si legge il giornale e grazie agli amici del Sanantonio42 Marco Dragoni e Matteo Pzzo Chelini una bella squadra di djs ci terrà compagnia per tutta la giornata:
h12 – free turntables
h13 – Mr. Pan aka Alessandro Marazia
h14 – Pietro Canale
h15 – Helena Lorenzini
h16 – Shake aka Francesco Saccaro
h17 – Eugenio Baldacci
h18 – Dario DjDarius Filidei

La prima giornata di mercato è andata!
Siamo stati bene vi aspettiamo Domenica 3 Marzo

……………………………………………………………………………………………..

LUCIO LEONI & ALOCH DISCHI DJ SET

LUCIO LEONI live al CSB

Si inizia presto:
– 19,30 – Aloch Dischi dj set
apericena a base di SUSHI per tutti
– h. 22.00 – Lucio Leoni in concerto
– h.23.15 – Aloch dischi dj set

Ingresso:
3€ oppure 5€ tessera Cantiere (bicchiere di vino compreso)

Lucio Leoni – Locusta booking
www.locusta.net

………………………………………………………………………………………………………..
BIOGRAFIA
Lucio Leoni nasce a Roma nel 1981 e lì ci rimane, fatta eccezione per una parentesi statunitense.
Fin da piccolo dice di amare la musica, così la madre lo iscrive a una scuola di chitarra classica. A dodici anni si ribella al concetto di “studio disperato” e lascia tutto, in nome del calcio. Capisce presto di essere scarso e rinuncia alla carriera sportiva: a diciassette anni parte per gli Stati Uniti, dove frequenta il penultimo anno di liceo e riscopre l’amore per la musica.

Torna a Roma nel 2000 e forma la band di happy rock’n’roll “Yugo in Incognito”. Si occupa dei testi e della voce, pubblicando, nell’arco di dieci anni, un disco e due ep: Puppurri (2003) “C’hai nis demo-cracy” e Uomini senza gomiti (2013).

Si laurea in Scienze dello spettacolo alla Sapienza di Roma, con una tesi su “voce e drammaturgia in teatro”, e poi in conservatorio dove frequenta il corso di Musica Elettronica. Negli anni dell’università prova a fare l’attore, ma, dubbioso rispetto al proprio talento, rinuncia anche alla carriera teatrale.

Nel 2005 fonda lo studio di registrazione “Monkey Studio”: si occupa di numerose produzioni, accogliendo un gran numero di artisti. Diventa in tutto e per tutto un sound engineer.

Contemporaneamente, inizia a suonare con gli Scolapasta Vintage, eccentrica band indie rock, e fonda, nel 2007, i Meccanica Ferma, sestetto elettroacustico votato alla ricerca.
A ventotto anni compie un primo bilancio della propria carriera: nonostante il rifiuto della chitarra classica, la musica è quello che sa e ama fare.
Nel 2009 apre il Live Club “La Riunione di Condominio”, locale culto della scena musicale romana: il club, come ogni mito che si rispetti, muore giovane.

L’esordio come cantautore avviene nel 2011, sotto il nome di Bucho: l’album si chiama “Baracca e Burattini” ed esce solo come musicassetta.

Nel 2015 esce per Lapidarie Incisioni “Lorem Ipsum”, il primo album firmato Lucio Leoni, che viene recensito con entusiasmo dalle principali testate nazionali, come l’Unità o Il Fatto Quotidiano, o di settore, come Rumone, Vinile, Rockerilla e, sul web, Rockit, Rockol, Ocanerarock e Musictracks.

Il 15 marzo 2016 Lucio Leoni ha presentato “Lorem Ipsum” a Webnotte su Repubblica.it:
http://video.repubblica.it/rubriche/webnotte/webnotte-il-rap-affabulante-di-lucio-leoni-a-me-mi/232330/231926

Il 10 novembre 2017 esce “Il lupo cattivo”, il nuovo disco di inediti per Lapidarie Incisioni/iCompany – distribuzione Sony.

………………………………………………………………………………………………………..
IL LUPO CATTIVO
IL LUPO CATTIVO è il nuovo atteso disco del cantautore romano Lucio Leoni. Si tratta del terzo album per uno dei pochi artisti, in Italia, capaci portare in canzone i monologhi viscerali tipici del teatro interiore, strutture rap e impeti punk, pur mantenendo un forte legame con la tradizione cantautorale italiana.

Brillante e provocatorio, Lucio Leoni usa l’espediente del Lupo Cattivo per parlare di emozioni universali e concetti senza tempo, per costruire una sorta di “saggio sull’esistenza” che non porti con sé una data di scadenza. Significati e i significanti si mescolano in costruzioni logiche o illogiche, per farsi dialogo interiore o racconto.

Dieci brani originali e un’inedita rielaborazione di una canzone di Luigi Tenco, “Io sono uno”: Lucio le ha dato nuova veste, arricchendola con le parole, sempre di Tenco, estratte da un Intervento al “beat 72” su “La canzone di Protesta” (Roma, novembre 1966).

Tra gli ascolti che hanno portato la nascita del disco, lo spoken word inglese degli ultimi anni (Tricky, Riz Mc, The Streets, Ghostpoet), il teatro e la narrazione fiabesca, dove voce e strumenti si fondono (La Gatta Cenerentola di De Simone e il prewar Folk americano), ma anche il post rock con le chitarre sporche ed oblique (Slint, Karate, Tortoise) ed esteti della parola prestati alla musica, come Stromae e James Blake.

Profondità – mostra personale di Fabiola Ghilli

PROFONDITA’ – mostra personale di Fabiola Ghilli
8-9-10 Giugno 2018

INAUGURAZIONE: venerdì 8 Giugno H.18.00
h.19.30 aperitivo&cibo

durante tutta la durata della serata Dj Set a cura di:
Drago, P.zzo, Jeff Raniero e Herrera

*********************************************************************
Fabiola Ghilli nasce nel 1966 fra i soffioni di Larderello per poi approdare a Pisa nel 1972 dopo aver girovagato per la Toscana. Profondamente segnata e influenzata dalla figura del fratello, pianista e disegnatore, morto suicida nel 1975.
Nel pieno degli anni 80 si trova immersa nei movimenti politici, culturali, musical e punk, sperimentando ciò che tutto questo offriva.
Nei decenni successivi prende parte alle occupazioni del Villaggio Aurora e gravita nei vari centri occupati cittadini finché ottiene un alloggio popolare ma sceglie di non conformarsi all’idea di famiglia e di vita preordinata dal sistema. Dopo vari tipi di lavoro dal 1999 inizia a occuparsi con soddisfazione prima di disabili e infine di bambini negli asili nido.
Fin dall’adolescenza grazie all’influenza del fratello si diletta col disegno a matita e nel 2008 viene spinta prepotentemente dalla sorella a mettere in pratica questa passione ed inizia a sperimentare anche con la pittura. Inizia così un percorso artistico e allo stesso tempo terapeutico.
*********************************************************************
I suoi quadri esprimono rabbia, disagio ma anche sensualità, calma e voglia di farcela nonostante e contro tutto. L’eterno contrasto fra la vita e la morte.
La tecnica che usa per creare le sue opere è prevalentemente la pittura classica a olio, facendone uno stile proprio usando sfumature e velature in modo differente da quelle classiche. Altre importanti influenze derivano dal fumetto erotico italiano degli anni 70 e dalle esperienze di viaggi in Europa, Nord America ed estremo oriente.
*********************************************************************

https://www.facebook.com/events/1091227411045601