Archivi tag: Impro

Istanti Sonori #5: Lucchesi – Abati e Dieci Ensemble

Tecniche Estese e Cantiere San Bernardo presentano:
ISTANTI SONORI – quinto appuntamento

Programma della serata:
Presentazione alla stampa dei due CD:
Lucchesi/Ciampalini (etichetta Tecniche Estese 01, 2017)
Dieci Ensemble (etichetta Setola di Maiale SM3 100, 2016)

1° set duo:
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti
Cristina Abati – viola, violoncello

2° set, DIECI ENSEMBLE con:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, oggetti, voce
Maurizio Costantini – contrabbasso
Cristina Abati – violoncello, viola
Edoardo Ricci – trombone, clarinetto basso, sax alto, soprano e sopranino
Guy-Frank Pellerin – sassofono baritono, tenore, soprano, gong
Marco Baldini – tromba, sordine, oggetti
Giuliano Tremea – voce, scacciapensieri
Stefano Bambini – batteria, elettronica
Andrea Di Sacco – sampler app

Venerdì 17 Maggio 2019 – ore 21,30
Cantiere San Bernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: www.cantieresanbernardo.com
info@cantieresanbernardo.com

……………………………………………………………………

Venerdì 17 maggio del 2019 alle ore 21,30 presso lo spazio del Cantiere San Bernardo di Pisa in via Pietro Gori, prenderà il via il quarto ed ultimo della appuntamento della stagione, per la rassegna “Istanti Sonori”, dedicata alla musica improvvisata e organizzata dall’etichetta discografica “Tecniche Estese”, in collaborazione con la stessa associazione del Cantiere San Bernardo.
Questa rassegna ha per obiettivo la diffusione e la conoscenza agli ascoltatori e ai musicisti, della contemporanea musica improvvisata quale forma d’arte, la cui espressione è proseguita nei secoli fino ad oggi, essendo veicolata nel tempo da tutti quegli artisti espressivi di ogni genere, che si sono assunti l’impegno di proseguirne il discorso passandosi il testimone e lavorando attorno a nuovi materiali, sperimentando e esplorando nuovi territori, spinti da un impulso istintivo, fondamentale, creativo e inarrestabile.
Ci sono però dei grossi e illustri precedenti in materia di improvvisazione, avvenuti negli anni, nella antichissima e magnifica chiesa di San Bernardo a Pisa, un tempo sede della fondazione delle monache cistercensi in Italia, nel 1135.
Negli anni 80′, si era svolta in questo spazio infatti, una parte delle rassegne indette dal C.R.I.M. (Centro per la Ricerca sull’Improvvisazione Musicale) di Pisa in www.e con le stesse amministrazioni comunali di quegli anni e associazioni culturali e artistiche.
Da li sono passati infatti, musicisti storici del calibro di Raphael Donald Garrett, Leo Smith, Alvin Curran, Tamia e molti altri in anteprima e in anticipo per quei tempi.

Nei mesi precedenti di gennaio, febbraio, marzo e aprile del 2019, “Istanti Sonori”, ha presentato davanti a un pubblico numeroso, entusiasta, composito, attento e competente, molti musicisti che hanno fatto dell’improvvisazione una pratica d’arte e di vita quotidiana e fornendo dei “ritratti sonori” di coloro la praticano, in un affresco, di quanto sta avvenendo in Italia e un pò ovunque nel resto del globo, circa lo stato attuale della contemporanea musica improvvisata, della sua vitalità e freschezza, tale da essere recepita sia dagli adulti alla ricerca di nuove sensazioni e stimoli, come anche dai bambini, che mossi dalla curiosità e da uno stupore del tutto creativo e originario, esplorano il mondo dei suoni con rinnovata meraviglia.

L’ultimo concerto in programma per la rassegna musicale Istanti Sonori, è quello previsto per venerdì 17 maggio alle ore 21,30.
La serata è suddivisa in vari momenti.
Nella prima parte avrà luogo la presentazione alla stampa e al pubblico e dei due c.d.: Lucchesi/Ciampalini (etichetta Tecniche Estese n° 01,2017) e quello del Dieci-Ensemble (etichetta Setola di Maiale, n° SM3 100, 2016).

La seconda parte è invece dedicata alla musica con i due set dal vivo: il primo con il duo David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, live electronics)/Cristina Abati (violoncello, viola) e il secondo con lo stesso Dieci Ensemble, con:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, oggetti; Maurizio Costantini – contrabbasso; Cristina Abati – violoncello, viola; Edoardo Ricci – trombone, clarinetto basso, sax alto, soprano, sopranino; Guy-Frank Pellerin – sax baritono, tenore, soprano gong; Marco Baldini – tromba, sordine, oggetti; Giuliano Tremea – voce, scacciapensieri; Stefano Bambini – batteria, elettronica; Andrea Di Sacco – sampler.

David Lucchesi (https://needleinthestrangeisnowablog.wordpress.com/…/metzeng…) è un giovane musicista emergente toscano agguerrito e ormai rodato, dal forte cipiglio creativo, che si cimenterà in un duo inedito con Cristina Abati (www.cristinaabati.net/biografia), quest’ultima oltre che musicista, attrice e performer, già facente parte del Dieci-Ensemble.

ll Dieci-Ensemble (vedi su Facebook: @dieciensemble) nasce da un’idea e sotto la guida di Eugenio Sanna musicista e chitarrista originale e versatile e musicoterapeuta, già uno dei membri fondatori del C.R.I.M. (Centro di Ricerca per l’Improvisazione Musicale), che conduce da sempre una ricerca di rigore estremo che non conosce compromessi (www.eugeniosanna.it e preparedguitar.blogspot.com/…/eugenio-sanna-13-questions.ht…) il cui organico racchiude, attualmente, nove musicisti tra i migliori attivi nella nostra penisola, alcuni dei quali, più giovani e non, hanno caratterizzato, innovato e rinnovato la storia della musica e del jazz contemporaneo, essendo dei veri e propri precursori e pionieri.
Edoardo Ricci e Guy-Frank Pellerin sono veri innovatori nella sperimentazione di ance e bocchini. Il primo in Italia è stato tra i precursori di un profondo rinnovamento nel mondo italiano dell’avant-jazz; il secondo di origine franco-canadese, ha militato nelle file della gloriosa Celestial Communication Orchestra di Alan Silva, suonando con i musicisti emblematici del free-jazz (Bobby Few, Noel Mc Ghie, Frank Wright…)
Marco Baldini, Cristina Abati e Maurizio Costantini, sono tra i fondatori del gruppo di musica contemporanea e improvvisata Blutwurst; Giuliano Tremea, il vocalista-cantante, proviene dai “detriti” di una certa scena del punk europeo; Andrea Di Sacco e Stefano Bambini, hanno partecipato insieme ad altri nel 1976 alla fondazione del C.R.I.M. di Pisa, portando avanti per dieci anni, fino al 1986, un’ingente attività musicale, seminariale, concertistica.

La serata avrà inizio alle 21,30. E’ assai importante ricordare che il Cantiere San Bernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.

Istanti Sonori #4: Ciampalini – Rappelli Live e ospiti

Tecniche Estese e Cantiere SanBernardo presentano:
ISTANTI SONORI #4 – seconda stagione

1° set – duo:
Devid Ciampalini – rullante, oggetti, elettronica casalinga
Martino Rappelli – chitarra elettrica, elettronica

2° set, formazioni combinate dei musicisti del primo set, con:
Chiara Lazzerini – trombone, pocket trumpet, conchiglie
David Lucchesi – chitarra elettrica, piccola elettronica, oggetti
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, lamiere, palloncini, cellophane

Venerdì 12 Aprile 2019 – ore 21,30
Cantiere SanBernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: info@cantieresanbernardo.com
……………………………………………………………………………………………………..

Venerdì 12 aprile del 2019 alle ore 21,30 presso lo spazio del Cantiere SanBernardo di Pisa in via Pietro Gori, prenderà il via il quarto appuntamento per la rassegna “Istanti Sonori”, dedicata alla musica improvvisata e organizzata dall’etichetta discografica “Tecniche Estese”, in collaborazione con lo stessa associazione del Cantiere SanBernardo.
Questa rassegna ha per obiettivo la diffusione e la conoscenza agli ascoltatori e ai musicisti, della contemporanea musica improvvisata quale forma d’arte, la cui espressione è proseguita nei secoli fino ad oggi, essendo veicolata nel tempo da tutti quegli artisti espressivi di ogni genere, che si sono assunti l’impegno di proseguirne il discorso passandosi il testimone e lavorando attorno a nuovi materiali, sperimentando e esplorando nuovi territori, spinti da un impulso istintivo, fondamentale, creativo e inarrestabile.
Ci sono però dei grossi e illustri precedenti in materia di improvvisazione, avvenuti negli anni, nella antichissima e magnifica chiesa di San Bernardo a Pisa, un tempo sede della fondazione delle monache cistercensi in Italia, nel 1135.
Negli anni 80′, si era svolta in questo spazio infatti, una parte delle rassegne indette dal C.R.I.M. (Centro per la Ricerca sull’Improvvisazione Musicale) di Pisa in www.e con le stesse amministrazioni comunali di quegli anni e associazioni culturali e artistiche.
Da lì sono passati infatti, musicisti storici del calibro di Raphael Donald Garrett, Leo Smith, Alvin Curran, Tamia e molti altri in anteprima e in anticipo per quei tempi.

Nei tre concerti precedenti durante la rassegna, nei mesi scorsi, un pubblico numeroso sia giovanile che di adulti appartenenti a varie fasce d’età, ha partecipato alle serate con passione ed entusiasmo, mettendo ben in evidenza la molla di una curiosità e una propensione naturale verso ciò che è più innovativo, sperimentale e di ricerca, nella musica.

Venerdì 12 aprile verrà presentata in anteprima, una formazione assai agguerrita e inedita e che vede alla testa il giovane Devid Ciampalini (rullante, oggetti e elettronica casalinga) in duo con Martino Rappelli (chitarra elettrica, elettronica).
In questo caso, i due musicisti sposeranno una causa di natura elettroacustica in cui il sound prodotto dai loro strumenti, trattati, preparati, truccati, mistificati e bistrattati, darà luogo a risultati mai prevedibili e usuali e in cui tentativi di dialogo verranno spesso interrotti e spezzati da conflitti, tensioni, distensioni, momenti ludici e teatrali.
La natura ritmica strumentale degli strumenti in uso, verrà infatti plagiata e ottusa, essendo anche interrotta in maniera teatrale, ironica e ludica, dai richiami sonori dati da piccoli giocattoli quali, pupazzi elettronici, animali metallici a carica che si muovono ed altro, di Devid Ciampalini, in una sorta di teatro sonoro dai risvolti anche assai giocosi.

Devid Ciampalini (https://acquanonpotabile.wordpress.com/…/intervista-a-devid-ciampalini-ci-sei-solo-tu…), già fondatore del collettivo Ambient Noise Session, cresciuto musicalmente nelle file delle band industrial e noise (Super Vixens), ha al suo attivo una fitta serie di collaborazioni di tutto rispetto: Virginia Genta, Giovanni Lami, Cristiana Fraticelli (IOIOI), Ezio Piermattei, Adam Bohman, Marco Baldini, Edoardo Ricci e molti altri. E’ stato inoltre uno dei fondatori del gruppo Metzengestein a ispirazione elettronica, sperimentale e psichedelica.

Martino Rappelli è uno dei membri più fiorenti del collettivo- associazione Improvvisatore Involontario (https://blog.libero.it/MondoJazz/13760874.html)https://blog.libero.it/MondoJazz/13760874.html).
Si è avvicinato inizialmente alla musica totalmente improvvisata attraverso i musicisti Eugenio Sanna e Mauro Orselli. Successivamente muove i suoi passi sotto la guida sicura di musicisti del calibro di Dimitri Espinoza Grechi, Scott Henderson, Stefano Zorzanello e molti altri. E’ fondatore del trio Kuku (www.kukumusic.it) progetto sperimentale in cui si fondono suoni acustici e live electronics. Ha partecipato alle rassegne Suoni Inauditi, Suoni Mediterranei, Atri Jazz Festival, Fara Jazz Festival, Uffizi Live.

Nel secondo set saranno invitati dei musicisti ospiti molto speciali e importanti che incontreranno i musicisti costituenti il trio, dando luogo a formazioni inedite, a riprova del fatto che il processo di creazione istantanea, è un fattore estremamente importante e nutriente per quanto riguarda le interazioni tra gli stessi musicisti, linfa vitale tessuto della musica improvvisata. Nel programma della stessa serata, a seguire si esibiranno infatti in set prefissati, i musicisti Chiara Lazzerini (trombone, pocket trumpet, conchiglie) giovane trombonista ma già iniziata ai misteri improvvisativi, David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, piccola elettronica) e Eugenio Sanna (chitarra amplificata, lamiere, palloncini, cellophane).

E’ assai importante ricordare che il Cantiere SanBernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.

Per informazioni sulla serata: info@cantieresanbernardo.com

ISTANTI SONORI #3: Lucchesi + Ricci + Borghi

Tecniche Estese e Cantiere SanBernardo presentano:
ISTANTI SONORI #3 – seconda stagione

1° set duo:
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti, piccola elettronica
Edoardo Ricci – clarinetto basso, trombone, sassofoni contralto, soprano, sopranino
Andrea Borghi – giradischi preparato, dischi di pietra e di legno, speaker, elettronica

2° set, formazioni combinate dei musicisti del primo set, con:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, lamiere, palloncini, cellophane
Chiara Lazzerini – trombone, pocket trumpet, conchiglie
Devid Ciampalini – rullante, oggetti, elettronica

Venerdì 15 Marzo 2019 – ore 21,30
Cantiere SanBernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: info@cantieresanbernardo.com
……………………………………………………………………………………………………..

Venerdì 15 marzo del 2019 alle ore 21,30 presso lo spazio del Cantiere San Bernardo di Pisa in via Pietro Gori, prenderà il via il terzo appuntamento per la rassegna “Istanti Sonori“, dedicata alla musica improvvisata e organizzata dall’etichetta discografica “Tecniche Estese”, in collaborazione con lo stessa associazione del Cantiere San Bernardo.
Questa rassegna ha per obiettivo la diffusione e la conoscenza agli ascoltatori e ai musicisti, della contemporanea musica improvvisata quale forma d’arte, la cui espressione è proseguita nei secoli fino ad oggi, essendo veicolata nel tempo da tutti quegli artisti espressivi di ogni genere, che si sono assunti l’impegno di proseguirne il discorso passandosi il testimone e lavorando attorno a nuovi materiali, sperimentando e esplorando nuovi territori, spinti da un impulso istintivo, fondamentale, creativo e  inarrestabile.
Ci sono però dei grossi e illustri precedenti in materia di improvvisazione, avvenuti negli anni, nella antichissima e magnifica chiesa di San Bernardo a Pisa, un tempo sede della fondazione delle monache cistercensi in Italia, nel 1135.
Negli anni 80‘, si era svolta in questo spazio infatti, una parte delle rassegne indette dal C.R.I.M.  (Centro per la Ricerca sull’Improvvisazione Musicale) di Pisa in www.e con le stesse amministrazioni comunali di quegli anni e associazioni culturali e artistiche.
Da li sono passati infatti, musicisti storici del calibro di Raphael Donald GarrettLeo SmithAlvin Curran, Tamia e molti altri in anteprima e in anticipo per quei tempi.
Venerdì 15 marzo dunque nel primo set, un trio di estrazione ruvida e porosa quello che vede alla testa David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, piccola elettronica), Edoardo Ricci (clarinetto basso, trombone, sassofoni contralto, soprano, sopranino), Andrea Borghi (giradischi preparato, dischi di pietra e di legno, speaker, elettronica).

Il trio si avvale della forte personalità del fiatista storico Edoardo Ricci (www.edgetonerecords.com/ricci.html) solerte sperimentatore di ogni pratica di bocchino come anche delle ance, con i giovani ma non troppo David Lucchesi (www.diaforia.org/diaforiablog/tag/david-lucchesi/) e Andrea Borghi (https://www.zamenhofart.it/artisti-2013/andrea-borghi/), autori istantanei e momentanei, di una musica dai forti connotati materici, dai tratti quasi “industrial”, alla ricerca di una possibile liricità della materia sonora che si manifesta.

Nel secondo set saranno invitati dei musicisti ospiti molto speciali e importanti che incontreranno i musicisti costituenti il trio, dando luogo a formazioni inedite, a riprova del fatto che il processo di creazione istantanea, è un fattore estremamente importante e nutriente per quanto riguarda le interazioni tra gli stessi musicisti, linfa vitale  tessuto della musica improvvisata. Nel programma della stessa serata, a seguire si esibiranno infatti in set prefissati, i musicisti Eugenio Sanna (chitarra amplificata, oggetti), la giovane trombonista ma già iniziata ai misteri improvvisativi Chiara Lazzerini (trombone, pocket trumpet, conchiglie) e  Devid Ciampalini (rullante, oggetti, elettronica).
E’ assai importante ricordare che il Cantiere San Bernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.
Per informazioni sulla serata: info@cantieresanbernardo.com

ISTANTI SONORI #2: ORSELLI + BONDESAN

Tecniche Estese e Cantiere SanBernardo presentano:
ISTANTI SONORI #2 – seconda stagione

1° set duo:
Mauro Orselli – batteria, percussioni
Tobia Bondesan – sassofoni tenore, soprano

2° set, formazioni combinate dei musicisti del primo set, con:
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, lamiere, palloncini, carta

Venerdì 15 Febbraio 2019 – ore 21,30
Cantiere SanBernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: info@cantieresanbernardo.com
—————————————————————————————————

Venerdì 15 febbraio del 2019 alle ore 21,30 presso lo spazio del Cantiere San Bernardo di Pisa in via Pietro Gori, prenderà il via il secondo appuntamento per la rassegna “Istanti Sonori”, dedicata alla musica improvvisata e organizzata dall’etichetta discografica “Tecniche Estese”, in collaborazione con lo stessa associazione del Cantiere San Bernardo.
Questa rassegna ha per obiettivo la diffusione e la conoscenza agli ascoltatori e ai musicisti, della contemporanea musica improvvisata quale forma d’arte, la cui espressione è proseguita nei secoli fino ad oggi, essendo veicolata nel tempo da tutti quegli artisti espressivi di ogni genere, che si sono assunti l’impegno di proseguirne il discorso passandosi il testimone e lavorando attorno a nuovi materiali, sperimentando e esplorando nuovi territori, spinti da un impulso istintivo, fondamentale, creativo e inarrestabile.
Ci sono però dei grossi e illustri precedenti in materia di improvvisazione, avvenuti negli anni, nella antichissima e magnifica chiesa di San Bernardo a Pisa, un tempo sede della fondazione delle monache cistercensi in Italia, nel 1135.
Negli anni 80′, si era svolta in questo spazio infatti, una parte delle rassegne indette dal C.R.I.M. (Centro per la Ricerca sull’Improvvisazione Musicale) di Pisa in collaborazione con le stesse amministrazioni comunali di quegli anni.
Da li sono passati infatti, musicisti storici del calibro di Raphael Donald Garrett, Leo Smith, Alvin Curran, Tamia e molti altri in anteprima e in anticipo per quei tempi.

Venerdì 15 febbraio dunque, un duo affascinante e di eccezione ma sopratutto inedito come lo è del resto, la forza propulsiva di ricerca e sperimentazione che anima l’intera rassegna: quello formato dal leggendario batterista e percussionista Mauro Orselli con il giovane fiatista senese Tobia Bondesan ai sassofoni tenore e soprano, plurirodato alle intemperie e ai postumi dell’improvvisazione totale.
Gli intrecci percussivi e le evoluzioni- circonvoluzioni batteristiche, il cui sound è talvolta cupo, severo, arcigno e pietroso, propongono un matrimonio interiore con i fiati, le cui linee a tratti morbide e a tratti più ruvide, cercheranno un possibile connubio con pelli e metalli, in uno scambio e intreccio continuo di materiali eterogenei i più disparati tra loro e assai ricco nei risultati.

Parlare di Mauro Orselli (mauroorselli.altervista.org/) è un pò come entrare in un ambito leggendario. Mauro Orselli è un percussionista e compositore romano ma anche pittore dalla vena surreale, attivo fin dal ’78. Ha partecipato a rassegne e europee molto importanti e d’oltreoceano. Tra le varie collaborazioni fioccano i nomi di molti musicisti della scena internazionale e tra cui: Martin Joseph, Antonello Salis, Fredrik Rzewski, William Parker, Mark Dresser, Bruno Tommaso, Marcello Melis, Maggie Nicols, Michiko Hirayama, Steve Lacy, Paolo Damiani, Renato Geremia, Jean Marc Montera, Giancarlo Schiaffini, Guido Mazzon e molti altri ancora.

Tobia Bondesan (www.esibirsi.it/tobiabondesan) sassofonista, arrangiatore e direttore, benchè giovane ha già alle spalle esperienze molto importanti. Formatosi accademicamente tra le mura di Siena Jazz, inizia a muoversi nella musica improvvisata e in quella di ricerca e sopratutto nell’ambito del progetto Open Combo della contrabbassista Silvia Bolognesi. La sua duttilità fa si che si trovi a suo agio sia in formazioni a respiro più tradizionale ma come anche in quelle più avanguardistiche. E’ responsabile del collettivo BlueRing Improvisers di cui ne cura gli incontri. Tra i vari musicisti ha suonato con: Giancarlo Schiaffini, Silvia Bolognesi. Ha suonato in diversi piccoli e grandi festival (Umbria jazz, Bologna Jazz Festival, Monkathlon, AngelicA, AMM fest, Discomfort-Dispatch, Bourbon Roof, JazzIt, Correggio Jazz e altri…) e ha inciso alcuni lavori discografici (“Fabbrica5”, “old postcards”, “BlueRing VOL.I”, ”forme screditate”, “Basement”, “OAK”…). Suona e compone per diversi gruppi di musica di ricerca (“Materia”, “Basement”, “Brotherhood”, “cercando il caso”), vincendo o ricevendo diversi riconoscimenti, oltre a far parte di (o collaborare con) numerosi altri progetti e larghi organici (“Fonterossa Orchestra”, “Tower Jazz Composers Orchestra”, “Doom Orchestra”) . Si occupa anche di scrittura ed interazione tra le arti: ha scritto il libro “il rumore dell’intuito (ed altri colori incerti)” edito da Edizioni Progetto Cultura, e molti articoli di giornale, occupandosi per lo più di musica e cultura su Metis, il Cittadino Online, Il Manifesto.

Nel secondo set saranno invitati dei musicisti ospiti molto speciali e importanti che incontreranno i musicisti costituenti il duo, dando luogo a formazioni inedite, a riprova del fatto che il processo di creazione istantanea, è un fattore estremamente importante e nutriente per quanto riguarda le interazioni tra gli stessi musicisti, linfa vitale tessuto della musica improvvisata. Nel programma della stessa serata, a seguire si esibiranno infatti in set prefissati, i musicisti David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti); Eugenio Sanna (chitarra amplificata, lamiere, palloncini, cellophane)

E’ assai importante ricordare che il Cantiere San Bernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.

Istanti Sonori #5: presentazione CD + concerto impro

Tecniche Estese e Cantiere SanBernardo presentano:
ISTANTI SONORI – quinto appuntamento

Presentazione alla stampa dei due CD:
Lucchesi/Ciampalini (etichetta Tecniche Estese 01, 2017)
Dieci Ensemble (etichetta Setola di Maiale SM3 100, 2016)

1° set duo:
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti
Devid Ciampalini – percussioni, oggetti

2° set, DIECI ENSEMBLE, con:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, oggetti, voce
Maurizio Costantini – contrabbasso
Cristina Abati – violoncello, viola
Edoardo Ricci – trombone, clarinetto basso, sax alto, soprano e sopranino
Guy-Frank Pellerin – sassofono baritono, tenore, soprano, gong
Marco Baldini – tromba, sordine, oggetti
Giuliano Tremea – voce, scacciapensieri
Stefano Bambini – batteria, elettronica
Andrea Di Sacco – sampler app

Ospite speciale in entrambi i set:
Camilla Cancantata Saunders – trombone, voce, pianoforte, oggetti trovati

Venerdì 25 Maggio 2018 – ore 21,30
Cantiere SanBernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: info@cantieresanbernardo.com
————————–————————–—-

L’ultimo concerto in programma per la rassegna musicale Istanti Sonori, organizzata dalla neonata etichetta discografica Tecniche Estese, in collaborazione con il Cantiere SanBernardo, in via Pietro Gori a Pisa, è quello previsto per venerdì 25 maggio alle ore 21,30. La serata è suddivisa in vari momenti. Nella prima parte avrà luogo la presentazione alla stampa con alcuni rappresentanti di essa, dei due c.d.: Lucchesi / Ciampalini (etichetta Tecniche Estese n° 01, 2017) e

Dieci-Ensemble (etichetta Setola di Maiale, n° SM3 100, 2016).
La seconda parte è dedicata ai due set dal vivo del duo David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, lives electronics)/ Devid Ciampalini (rullante, oggetti, elettronica) e del Dieci Ensemble, con:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, oggetti; Maurizio Costantini – contrabbasso; Cristina Abati – violoncello, viola; Edoardo Ricci – trombone, clarinetto basso, sax alto, soprano, sopranino; Guy-Frank Pellerin – sax baritono, tenore, soprano gong; Marco Baldini – tromba, sordine, oggetti; Giuliano Tremea – voce, scacciapensieri; Stefano Bambini – batteria, elettronica; Andrea Di Sacco – sampler.

In ambedue i momenti di musica dal vivo, giostrerà come un joker, la musicista inglese Camilla Cancantata Saunders (trombone, voce, pianoforte, oggetti trovati).

Nei mesi precedenti di gennaio, febbraio, marzo e aprile, “Istanti Sonori”, ha presentato davanti a un pubblico numeroso, entusiasta, composito, attento e competente, molti musicisti che hanno fatto dell’improvvisazione una pratica d’arte e di vita quotidiana e fornendo dei “ritratti sonori” di coloro la praticano, in un affresco, di quanto sta avvenendo in Italia e un pò ovunque nel resto del globo, circa lo stato attuale della contemporanea musica improvvisata, della sua vitalità e freschezza, tale da essere recepita sia dagli adulti alla ricerca di nuove sensazioni e stimoli, come anche dai bambini, che mossi dalla curiosità e da uno stupore del tutto creativo e originario, esplorano il mondo dei suoni con rinnovata meraviglia.

David Lucchesi e Devid Ciampalini (https://needleinthestrangeisnowablog.wordpress.com/…/metzeng…)sono due giovani musicisti emergenti toscani ma agguerriti e ormai rodati, dal forte cipiglio creativo, che si cimenteranno nel loro duo, con materiali sonori eterogenei e con le infinite possibilità offerte dalla metodologia improvvisativa. Nelle loro “avventure improvvisative” ricercano spazi e sonorità nuove, non lontani da una certa parentela con il noise e l’industrial.
Sono inoltre entrambi, i fondatori dell’etichetta Tecniche Estese.
Provenienti da precedenti esperienze di musica elettronica (Metzegenrenstein) e già facenti parte del collettivo di artisti e musicisti Ambient- Noise Session, hanno alle spalle importanti collaborazioni: Virginia Genta, e il Jooklo Duo, David Vanzan, Deaduo, Ezio Piermattei, Adam Bohman, IOIOI e molti altri.

Il Dieci-Ensemble (vedi su Facebook: @dieciensemble) che nasce da un’idea e sotto la guida del musicista Eugenio Sanna (www.eugeniosanna.it e preparedguitar.blogspot.com/…/eugenio-sanna-13-questions.ht…), è una formazione fresca di zecca, il cui organico racchiude appunto attualmente nove musicisti tra i migliori attivi attualmente nella nostra penisola, alcuni dei quali, più giovani e non, hanno caratterizzato, innovato e rinnovato la storia della musica e del jazz contemporaneo, essendo dei veri e propri precursori e pionieri.

L’ospite speciale Camilla Cancantata Saunders (littleweed-music.org/ ) al trombone, voce, piano e oggetti trovati, proveniente dall’Inghilterra, è una musicista compositrice e improvvisatrice. Dopo tre anni a Oxford, ha studiato musica folk in Ungheria e Romania. È co-fondatrice di Footloose (2000), Fractofusus (2010) e Radnor Improvisers (2011). Suona spesso con gli improvvisatori di Oxford e fa lavori per il teatro, collaborando con musicisti e artisti di diversi background e culture e tra cui India, Iraq, Palestina e Giappone. Compone usando un misto di musica scritta e improvvisazione e si esibisce in molti luoghi disparati, tra cui piscine e musei. Gran parte della sua musica è ispirata al mondo naturale, sopratutto degli animali e ha partecipato al famoso The Woman’s Liberation Music ( https://womensliberationmusicarchive.co.uk/) di cui fa parte anche la cantante Maggie Nicols.

La serata avrà inizio alle 21,30. E’ assai importante ricordare che il Cantiere SanBernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.

Istanti Sonori #4: Bertoncini + Lehn Live

Tecniche Estese e Cantiere SanBernardo presentano
ISTANTI SONORI – quarto appuntamento

1° set duo:
Tiziana Bertoncini – violino
Thomas Lehn – sintetizzatore analogico

2° set, formazioni prestabilite con i musicisti del primo set, con:
Manrico Fiorentini – danza, movimento
Edoardo Ricci – trombone, clarinetto basso, sassofoni contralto e sopranino
Totino Setzi – chitarra classica, oggetti, voce
Guy-Frank Pellerin – sassofoni baritono, tenore, soprano, gong
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti, live electronics
Lorenzo Del Grande – flauto traverso
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, oggetti, voce
Devid Ciampalini – rullante, live electronics

Sabato 28 aprile – ore 21,30
Cantiere SanBernardo, via Pietro Gori, Pisa

per informazioni: www.cantieresanbernardo.com
info@cantieresanbernardo.com
——————————————————–

Prosegue a tambur battente e con un buon riscontro del pubblico, vista l’ottima affluenza ai tre concerti precedenti negli scorsi mesi di gennaio, febbraio e marzo, la rassegna Istanti Sonori, realizzata dall’etichetta discografica Tecniche Estese, in collaborazione con il Cantiere SanBernardo, in via Pietro Gori a Pisa.

Questa rassegna ha per obiettivo la diffusione e la conoscenza agli ascoltatori e ai musicisti, della contemporanea musica improvvisata quale forma d’arte, la cui espressione è proseguita nei secoli fino ad oggi, essendo veicolata nel tempo da tutti quegli artisti espressivi di ogni genere, che si sono assunti l’impegno di proseguirne il discorso passandosi il testimone e lavorando attorno a nuovi materiali, sperimentando e esplorando nuovi territori, spinti da un impulso istintivo, fondamentale, creativo e inarrestabile.

Il quarto appuntamento avrà luogo sabato 28 aprile, come di consueto alle ore 21,30 presso il Cantiere SanBernardo, in via Pietro Gori, Pisa.

Secondo la formula prevista, il primo set vedrà come protagonisti un duo d’eccezione e proveniente da oltre frontiera. Si tratta infatti di Tiziana Bertoncini al violino e del musicista tedesco Thomas Lehn al sintetizzatore analogico.
Provenienti ambedue da Vienna, collaborano insieme a partire dal 2002. Il loro sodalizio musicale è dato dall’incontro elettroacustico tra uno strumento quale il violino ed uno elettronico, il sintetizzatore analogico.
Thomas Lehn ama infatti suonare a partire dal 1994, un EMS Synthi A. Ma rispetto alla musica elettroacustica di stampo tradizionale, viene sovvertita ogni regola, ammesso e concesso che in casi come questo, ce ne possano essere. La particolarità infatti della natura sonora del duo, è quella per cui viene creato un reciproco gioco di rispecchiamento in cui il violino talvolta, si avvicina a uno strumento elettronico nel suo modo di essere suonato e viceversa e il sintetizzatore, può diventare uno strumento acustico a sua volta.
Questo è però anche un lavoro di trasformazione delle identità dei due strumenti, oltre che delle personalità dei due musicisti e che avviene in maniera quasi magica e inconscia.
Nonostante l’approccio al suono sia contemporaneo e la scansione della musica è classica, essendo basta sui momenti fondamentali della distensione e tensione, nuovi elementi importanti vengono aggiunti, quali la rottura, la frammentazione e la triturazione, dei nuclei sonoro-musicali, creati istantaneamente.

Il primo c.d. del duo, dal titolo “Horsky Park” (etichetta Another Timbre, 2011, c.d. n°AT 40) ha avuto grossi consensi dalla critica internazionale.

Il secondo set della serata di sabato 28 aprile, prevede delle importanti novità rispetto ai concerti precedenti e consistenti nella esplorazione di tutte le possibilità di interazione attraverso l’improvvisazione con la danza e il movimento del corpo.
I performer invitati che daranno vita a formazioni prestabilite e inedite, unendosi con i musicisti che hanno animato il primo set, saranno infatti: Manrico Fiorentini (danza, movimento del corpo); Edoardo Ricci (clarinetto basso, trombone, sassofoni contralto e sopranino); Totino Setzi (chitarra classica, voce); Guy-Frank Pellerin (sassofoni baritono, tenore, soprano, gong); David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, live electronics); Lorenzo Del Grande (flauto traverso); Eugenio Sanna (chitarra amplificata, lamiere zincate, palloncini, cellophane, voce); Devid Ciampalini (rullante, live electronics).
In questo caso nel secondo set, la musica prodotta attraverso la creazione istantanea, avrà modo di estendersi anche per il tramite del movimento del corpo del danzatore, che esplorerà tutte la possibilità esistenti e in relazione all’ambiente e agli ascoltatori.

E’ assai importante ricordare che il Cantiere San Bernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.
——————————————————–

Tiziana Bertoncini (violino) e Thomas Lehn (sintetizzatore analogico), collaborano insieme dal 2002
(www.thomaslehn.com/view/tnt_01.html)
Il loro primo cd Horsky Park, è uscito nella primavera del 2011 con l’etichetta britannica Another Timbre (c.d. AT 40).
Si sono esibiti insieme in Austria, Repubblica Ceca, Inghilterra, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Serbia, Slovacchia, Spagna e Svizzera.
Oltre la formula del duo, suonano anche in formazioni più estese, come lo “Ensemble]h[iatus” creato dal percussionista Lê Quan Ninh e dalla violoncellista Martine Altenburger, un ensemble internazionale che si muove nei territori dell’improvvisazione e dell’interpretazione di pezzi contemporanei. Con questo gruppo hanno presentato in anteprima nuove composizioni di compositori giovani e affermati come Vinko Globokar, Peter Jakober, Anthony Pateras e Jennifer Walshe. L’ensemble ha suonato in numerosi festival di musica contemporanea. Sono stati invitati anche, quali ospiti di residenze artistiche dall’Akademie Schloß Solitude (DE); Ferme de Villefavard (FR) e Césaré (Reims- FR). Césaré ha pubblicato il primo cd dell’ Ensemble]h[iatus nel gennaio 2017, con composizioni di Peter Jakobere improvvisazioni.
Bertoncini e Lehn, hanno fatto parte di grandi progetti multimediali, in cui sono stati coinvolti sia come musicisti che come artisti.
Nel 2015 hanno realizzato Gradients (2014), un’interpretazione della partitura grafica colorata K-2591 Melody Line Composition colorata dell’artista Miroslav Ponc (1925) che è stata pubblicata sul cd Pounding Ponc, pubblicato nel 2015 dalla Galavie Moravskà a Brno (CZ).
In collaborazione con lo Zam Zentrum fur Aktuelle Musik hanno curato Comprovise, un festival di musica contemporanea composta e improvvisata, tenutosi a Colonia nel giugno 2009 con il sostegno del progetto tedesco di finanziamento Netzwerke Neue Musik.
——————————————————–

https://www.facebook.com/events/1536686556457763

Istanti Sonori #3: Trio Treno Live + ospiti

Istanti Sonori #3 16-03-2018.indd

VENERDI’ 16 MARZO 2018 – ore 21,30
CANTIERE SANBERNARDO – PISA
ISTANTI SONORI #3: TRIO TRENO LIVE

1° set – Trio Treno:
Eugenio Sanna – chitarra amplificata, lamiere zincate, palloncini, cellophane, voce
Andrea Di Sacco – sampler
Stefano Bambini – batteria, percussioni, oggetti metallici, plastica

2° set – Formazioni combinate dei musicisti del primo set con i seguenti ospiti speciali:
Guy Frank Pellerin – sassofono baritono, tenore, soprano, sopranino, gong
David Lucchesi – chitarra elettrica, oggetti sonori, live electronics
Devid Ciampalini – rullante, oggetti, elettronica

In collaborazione con Tecniche Estese

————————–————————–——————

Per il terzo appuntamento previsto per la rassegna “Istanti Sonori” indetta dall’etichetta discografica Tecniche Estese e organizzata in collaborazione con il Cantiere San Bernardo in via Pietro Gori a Pisa, venerdì 16 marzo alle ore 21,30, è ora la volta di una formazione storica e che aveva ricevuto il battesimo di fuoco in seno alle programmazioni dei concerti del C.R.I.M. (Centro per la Ricerca sull’Improvvisazione Musicale) di Pisa nel maggio del 1983 e che oggi nel 2018, di nuovo in auge e con una registrazione inedita all’attivo, viene riproposta in una chiave totalmente rinnovata e tecnologica, per “Istanti Sonori”.
Si tratta infatti del Trio Treno, una formidabile formazione elettroacustica con Eugenio Sanna (chitarra amplificata, lamiere zincate, palloncini, cellophane); Andrea Di Sacco (sampler); Stefano Bambini (batteria, percussioni, oggetti, plastica).

Questo trio scaturito dalle attività laboratoriali del C.R.I.M. nel lontano ormai 1983, trova oggi una sua validità e attualità. In passato veniva utilizzato un sintetizzatore analogico, oggi un sampler digitale e in grado di campionare qualsiasi suono, suggella un patto d’alleanza in chiave tecnologica, con degli strumenti acustici o quasi nella direzione intrapresa da una certa musica.
Chiaramente quello che conta e che poi è l’elemento essenziale per la creazione della musica, in questo caso istantanea, è l’elemento umano, ossia il musicista.

La musica prodotta da questo trio ben si sposa oggi e trova una sua collocazione assai marcata, all’interno del panorama dello spettro delle musiche elettroacustiche. Ogni dimensione percussiva e armonica intesa in senso tradizionale, è dilatata e scucita a favore di un matrimonio con una macchina elettronica. Il flusso della creazione istantanea, sembra riconciliarsi per il tramite della moderna sintesi tecnologica con quello che è il cuore pulsante dell’improvvisazione, in un progetto di recupero di una sorta di arcaicità le cui radici sono direttamente scopribili in un inconscio collettivo, patrimonio comune dei popoli.

Ma anche nel secondo set saranno invitati dei musicisti ospiti molto speciali e importanti che incontreranno i musicisti costituenti il trio dando luogo a formazioni inedite, a riprova del fatto che nel caso di musiche prodotte attraverso il processo di creazione istantanea, le interazioni tra gli stessi musicisti, sono dei fattori estremamente importanti e nutrienti per quanto riguarda il tessuto della musica improvvisata.
Suoneranno infatti: Guy Frank Pellerin (sassofoni baritono, tenore, soprano, sopranino, gong) fiatista franco-canadese e che ha militato nelle file della Celestial Comunication Orchestra di Alan Silva e che ha partecipato a formazioni con molti musicisti storici (Bobby Few, Noël Macghee, Frank Wright, Sunny Murray per dirne qualcuno), David Lucchesi (chitarra elettrica, oggetti, live electronic) giovane improvvisatore emergente dalla forte creatività e Devid Ciampalini (rullante, elettronica) sicuro creatore di flussi e impulsi improvvisativi istantanei.

E’ assai importante ricordare che il Cantiere San Bernardo, costituisce da svariati anni un grosso punto di riferimento per la realtà urbana della città di Pisa, essendo promotore sia di eventi teatrali di ricerca, presentazione di libri e testi nuovi, nel campo dell’editoria, manifestazioni a carattere nazionale. internazionale, di grande spessore culturale e impegno sociale.

Per informazioni sulla serata: info@cantieresanbernardo.com


Evento FB